Elezioni 2018 – Lettera ai politici

ELEZIONI 2018

LETTERA APERTA AI POLITICI

 

Nell’ormai lontano 2011 io ebbi a scrivervi una lettera aperta che vi invito a rileggere perché da allora sembra che nulla sia cambiato (https://wordpress.com/post/gigliolaibba.wordpress.com/5083)

Da questa protesta è nata l’Associazione Eticasempre che io presiedo. In linea con la nostra missione abbiamo lavorato per difendere i valori dell’etica e  sostenere le categorie più disagiate: persone sotto la soglia di povertà (a oggi ferme a 5.6 milioni di cittadini), giovani senza lavoro e aziende in difficoltà – a cui due anni fa si sono aggiunti i disgraziatissimi terremotati del Centro Italia e di Ischia.

Per riassumere i risultati raggiunti, debbo dire che, nonostante i nostri martellanti avvertimenti, richieste di intervento, coinvolgimento della burocrazia, abbiamo ottenuto molto poco o quasi niente. Ancora una volta voi avete lavorato per voi e non per noi.

Oggi ci chiedete di tornare alle urne con una legge che non è stata concepita per farci esprimere liberamente, ma che vi consente la massima discrezionalità per manovrare il nostro voto. L’unica cosa che il “rosatellum” ci permette veramente di fare, se non siamo esperti dei meandri che cosi bene Crozza ha descritto nella sua trasmissione del 16 febbraio 2018 (https://www.youtube.com/watch?v=VG4JmU5C7Xg ) è di votare uno dei tre principali partiti in lizza, pur non sapendo con chi si alleerà, o per un partito minore sperando che raggiunga la soglia di sbarramento e che poi non si allei con qualcuno che non ci piace e non avremmo mai votato.

Inoltre, vale la pena ricordare che questa campagna elettorale ha visto le più strabilianti promesse (che in generale non hanno alcuna  possibilità di essere realizzate), epiteti e dichiarazioni ingiuriose indirizzate agli avversari a mezzo stampa (che ci legge contestualmente) e sui social che ci ospitano.

Per queste ragioni- e malgrado io abbia sempre allertato i nostri iscritti sui pericoli di non votare (se non votate voi fate decidere ad altri) e fermo restando il diritto dei nostri iscritti a esprimere liberamente i propri convincimenti, questa volta

 

IO NON VI VOTERO’

 

PER IL RISPETTO che devo a me stessa e per non darvi mandato di gestire il post elezioni anche a mio nome. NOT IN MY NAME dicono gli anglosassoni. Non con il mio contributo dico io.

Rassegna Stampa della Politica italiana (17 luglio 2015)

Rifiuti in Campania. L’Unione europeo condanna l’Italia per la gestione dei rifiuti in Campania con una multa da venti milioni di euro per non aver rispettato le direttive comunitarie nello smaltimento dei rifiuti nel 2007 in Campania. L’Italia inoltre dovrà pagare una penalità da 120mila euro per ogni giorno di ritardo nell’applicazione della direttiva, la 2006/12/CE.  L’Italia non ha adottato tutte le misure necessarie per assicurare che i rifiuti fossero recuperati o smaltiti senza pericolo per la salute dell’uomo e senza recare pregiudizio all’ambiente.

Immigrazione. A Quinto di Treviso i cittadini sono scesi in strada, da ieri sera, per protestare contro la decisone della prefettura di alloggiare 101 profughi all’interno di alcune palazzine già abitate da diverse famiglie. Qualcuno nella notte ha dato fuoco a mobili e materassi trovati in uno degli appartamenti destinati ai profughi mentre oggi, sorvegliati da polizia e carabinieri, i residenti della zona hanno continuato la protesta impedendo che gli addetti della cooperativa che ha in carico i migranti consegnassero loro una cesta di cibo.

Dimissioni. Rosario Crocetta si autosospende da presidente della Sicilia dopo la pubblicazione di un’intercettazione telefonica tra lui e il suo medico. Nell’intercettazione il medico, riferendosi all’ex assessora alla sanità Lucia Borsellino, figlia del magistrato ucciso dalla mafia nel 1992, ha detto: “Va fermata, va fatta fuori come suo padre”. La procura di Palermo ha smentito,  precisando che la frase agli atti non risulta trascritta.


  La Redazione di Eticasempre

 

Le informazioni contenute in questa rassegna stampa sono state ricavate da dichiarazioni di membri del governo, del parlamento e dai media.

 

Per info e commenti scrivere a Erika Zolli: zolli.eticasempre@libero.it

 

Per le rassegne stampa dei giorni precedenti cliccare su “Articoli precedenti”.

 

 

Rassegna Stampa della Politica italiana (16 luglio 2015)

Pensioni. Il senato italiano ha approvato in via definitiva con 145 voti favorevoli e 97 contrari il decreto legge sulle pensioni. Oltre a stabilire il rimborso dei soldi congelati nelle casse dello stato, il provvedimento introduce il pagamento di tutte le pensioni il primo giorno del mese, già operativo da giugno. Dal primo agosto chi percepisce 1.500 euro al mese si troverà un versamento di 796,27 euro, che coprirà d’un colpo la rivalutazione del 2012, 2013, 2014 e i primi sette mesi del 2015. Da agosto, la pensione sarà aggiornata gradualmente: 1.525,49 euro al mese fino alla fine dell’anno e 1.541,75 euro da gennaio 2016.

 

Immigrazione. Nelle acque che separano l’Italia dalla Tunisia, sono stati salvati 2.700 migranti. La centrale operativa della guardia costiera italiana ha coordinato tredici operazioni di soccorso che hanno coinvolto anche una nave di Medici senza frontiere e una nave militare tedesca, oltre alle motovedette della stessa guardia costiera e ai mezzi della marina militare. I migranti stavano cercando di attraversare il Mediterraneo e di arrivare in Europa a bordo di nove gommoni e di quattro barconi.

Mafia Capitale. Durante un’ispezione nella clinica psichiatrica Colle Cesarano di Tivoli (Roma), il sindacato SiCel e il M5S denunciano la mancanza di 33 figure rispetto alla pianta organica, compresi medici e infermieri, di avere trovato un personale impiegato per svolgere le pulizie anziché assistere i pazienti e gli utenti lasciati di notte in uno stato di completo abbandono. La struttura ha ottenuto nel 2013 l’accreditamento definitivo con il sistema sanitario nazionale grazie all’ok dell’Asl e della giunta regionale di Nicola Zingaretti. Geress, la società che gestisce la clinica, nel 2011 ha adibito un centro all’accoglienza dei migranti, affittandolo niente meno che al ras delle cooperative Salvatore Buzzi.

‘Ndrangheta.  Ci sono stati nuovi sviluppi nell’operazione “Aemilia” . I carabinieri hanno eseguito in Emilia-Romagna e Lombardia misure di custodia cautelare emesse su richiesta della Dda di Bologna nei confronti di nove persone, di cui tre esponenti della ’ndrangheta emiliana attiva tra Reggio Emilia, Parma, Piacenza e Modena e operante anche a Verona, Mantova e Cremona. È stato realizzato inoltre un sequestro di società, beni e attività commerciali nella disponibilità diretta della cosca, per oltre 330 milioni.


  La Redazione di Eticasempre

 

Le informazioni contenute in questa rassegna stampa sono state ricavate da dichiarazioni di membri del governo, del parlamento e dai media.

 

Per info e commenti scrivere a Erika Zolli: zolli.eticasempre@libero.it

 

Per le rassegne stampa dei giorni precedenti cliccare su “Articoli precedenti”.