#TERREMOTOCENTRITALIA – Rassegna stampa del 7 marzo

A cura di E. Zolli

 

  • Nelle zone colpite dal terremoto le temperature arrivano a -18° e la vita è ancora precaria, tra casette con i tubi che si ghiacciano e il rischio del ghiaccio su strade e macerie. Nelle abitazioni di emergenza si verificano blocchi continui alle caldaie e ai boiler dell’acqua calda, mentre in molti continuano a vivere in strutture e campi di emergenza dopo 18 mesi dal sisma. (da Radio Onda D’Urto)
  • Il capo del Dipartimento della protezione civile, Angelo Borrelli, ha firmato l’ordinanza che disciplina ulteriori interventi urgenti conseguenti agli eventi sismici che hanno colpito il territorio delle Regioni Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo. L’ordinanza consente alla Regione Marche l’acquisto di immobili ad uso abitativo da destinare temporaneamente a soggetti residenti in edifici distrutti o gravemente danneggiati dagli eventi sismici, situati in zona rossa. (da Lavori Pubblici)
  • Sono 2.787 le casette consegnate ad oggi in 41 comuni delle zone del centro Italia colpite dai terremoti del 2016. Dai dati aggiornati del Dipartimento della Protezione Civile emerge inoltre che sono in corso i lavori in 54 aree mentre sono conclusi tutti gli interventi in 152 aree. In particolare, nelle Marche sono state consegnate 1.227 Soluzioni abitative d’emergenza (Sae), nel Lazio 749, in Umbria 641 e in Abruzzo 169. (da Gazzetta di Parma)
  • Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che è in corso il pagamento di 3,4 milioni di euro di aiuti straordinari zootecnici aggiuntivi nelle zone terremotate per 3.826 aziende. Con questo pagamento, concordato con gli Assessori regionali di UmbriaAbruzzoLazioMarche, è stata data attuazione al Decreto Ministeriale del 16 febbraio scorso che ha disposto una integrazione al pagamento precedentemente in favore di 3.776 aziende per 2.499.740 euro. (da Main Fatti)

 

#TERREMOTOCENTROITALIAEISCHIA – Post del 26 febbraio

A cura di E. Zolli

A un anno e mezzo dal terremoto che ha colpito il Centro Italia,  risultano consegnati 2.577 alloggi su 3.846, il 68% e il 70% delle macerie è ancora da rimuovere (da Protezione Civile del 19 febbraio 2018). A Ischia, a sette mesi dal sisma, gli sfollati continuano a vivere in anguste stanze d’albergo. Fra un mese circa gli alberghi che ospitano gli sfollati dovranno riaprire per la stagione turistica e non si sa ancora dove potrà essere ospitata tanta gente che non può far rientro alle proprie case (da Il Mattino).

#TERREMOTOCENTRITALIAEISCHIA – Rassegna stampa del 23 febbraio

A cura di E. Zolli

 

  • Il Consiglio dei Ministri ha deciso – scrive l’AGI – la proroga, per ulteriori 180 giorni, dello stato di emergenza in conseguenza degli eccezionali eventi sismici che hanno colpito il territorio delle Regioni Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo il 24 agosto 2016, il 26 e il 30 ottobre 2016 e il 18 gennaio 2017, nonché degli eccezionali fenomeni meteorologici che hanno interessato i territori delle medesime Regioni a partire dalla seconda decade del mese di gennaio 2017, al fine di consentire il completamento degli interventi di definitivo superamento delle crisi. A tal fine, sono stanziati fondi per 570 milioni di euro, di cui 300 milioni a valere sul Fondo per le emergenze nazionali e 270 milioni mediante utilizzo delle risorse disponibili sulla contabilità speciale intestata al Commissario straordinario per la ricostruzione. (da In Abruzzo)
  • Tra i 29 ragazzi insigniti con l’attestato d’onore di “Alfiere della Repubblica” dal Capo dello Stato Sergio Mattarella è presente anche Ciro Marmolo, 12 anni che salvò i due suoi fratellini rimasti con lui sotto le macerie della casa dove abitava con i genitori crollata a causa del terremoto che ha colpito Casamicciola lo scorso agosto. É il più piccolo dei cinque ragazzi a cui l’attestato è stato attribuito per “Atti di coraggio”. (da Ansa)
  • È stata autorizzata la rimozione delle macerie e la bonifica di via Casamennella. L’obiettivo numero uno dell’inchiesta è accertare i motivi per i quali i danni di maggiore entità siano tutti avvenuti in un’area limitata del comune di Casamicciola. Per questo motivo gli inquirenti hanno nominato come consulente tecnico un esperto di geofisica. (da Il Dispari Quotidiano)