Risultati finali Elezioni Regionali 2015 e Rassegna Stampa della Politica italiana del 3 giugno 2015

image-0001 image-0002

  • Elezioni. La settimana scorsa la commissione parlamentare antimafia, presieduta da Bindi, ha presentato una lista di 17 candidatialle elezioni regionali, considerati “impresentabili” secondo il codice di autoregolamentazione approvato da tutti i partiti che fanno parte della commissione. Nell’elenco erano presenti soltanto candidati nelle regioni Puglia e Campania, dove “la presenza del potere mafioso è più forte e più condizionante”, ha spiegato Bindi in conferenza stampa. Nella lista c’era anche Vincenzo De Luca. Il candidato del Partito democratico Vincenzo De Luca, vincitore delle regionali in Campania con il 41,1 per cento dei voti, ha annunciato su Twitter che ha denunciato per diffamazione, attentato ai diritti politici costituzionali e abuso d’ufficio Rosy Bindi, presidente della commissione parlamentare antimafia.*
  • Di padre in figlio. In Puglia e in Campania tra i tanti candidati con famiglie di esponenti politici alle spalle, ben sei sono stati eletti. Tra questi abbiamo Armando Cesaro (FI), figlio di Luigi, ex presidente della Provincia di Napoli e attuale deputato, che ha avuto moltissimi consensi (22.312);  Carmela Fiola è stata eletta alle Regionali in Campania con 9265 voti, figlia di Ciro Fiola, l’imprenditore partenopeo del settore alimentare e consigliere comunale di Napoli; Gianpiero Zinzi, figlio dell’ex presidente della Provincia di Caserta ed ex presidente del consiglio regionale, è stato eletto con 19.332 preferenze; Enza Amato, figlia dell’uscente presidente della commissione regionale sui Beni confiscati e storico esponente della sinistra, è stata eletta con il Pd in consiglio regionale con ben 10.312 preferenze; Mario Casillo, di Boscoreale, comune del Vesuviano, è figlio dell’ex potente esponente della Margherita, Franco. Alla sua seconda elezione in consiglio regionale è stato eletto con 22.372 voti; Napoleone Cera, figlio di Angelo, sindaco di San Marco in Lamis, è stato eletto in consiglio regionale con i Popolari.

 

  • Occupazione. Dopo il calo degli ultimi due mesi, ad aprile 2015 gli occupati aumentano dello 0,7% (+159mila) rispetto al mese precedente. Il tasso di occupazione, pari al 56,1%, cresce nell’ultimo mese di 0,4 punti percentuali. Sono questi i dati pubblicati dall’Istat sull’andamento del mercato del lavoro. Il ritorno alla crescita in Italia «porterà a un calo del tasso di disoccupazione, che rimarrà però ancora elevato». Lo afferma l’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), prevedendo un tasso stabile al 12,7% nel 2015, e in calo al 12,1% nel 2016. Per l’Ocse inoltre «il `Jobs act´ ha il potenziale per migliorare drasticamente il mercato del lavoro».

 

* Vedi nota su De Luca (Vincenzo De Luca)


  La Redazione di Eticasempre

 

Le informazioni contenute in questa rassegna stampa sono state ricavate da dichiarazioni di membri del governo, del parlamento e dai media.

 

Per info e commenti scrivere a Erika Zolli: zolli.eticasempre@libero.it

 

Per le rassegne stampa dei giorni precedenti cliccare su “Articoli precedenti”.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...