Rassegna Stampa della Politica italiana (25 Settembre 2015)

Riforma Senato. E’ di nuovo alta tensione tra il Pd e il presidente del Senato, Pietro Grasso. La  discordia stavolta è sulla data ultima per il voto finale sul disegno di legge Boschi fissata dalla seconda carica dello Stato per il prossimo 13 ottobre. Il governo e Pd volevano però anticipare ulteriormente già l’8 ottobre. Alla luce del duro monito lanciato ieri dalla seconda carica dello Stato, Lega e Sel ritirano gran parte dei loro emendamenti (per ora 10 milioni in meno da parte di Roberto Calderoli del Carroccio su un totale di oltre 85 milioni, mentre Sel ne conserva solo un migliaio sui circa 60mila presentati).

Parentopoli Roma. È stato convocato d’urgenza il Consiglio da Daniele Fortini, presidente del cda dell’Ama. La decisione di Fortini, alla luce delle motivazioni della sentenza di condanna emessa dal Tribunale di Roma nei confronti dell’ex amministratore delegato e di alcuni ex dirigenti, è stata il via libera al licenziamento dei dipendenti assunti nel 2008 a chiamata diretta tuttora in organico (37 su 41) e di 23 autisti assunti nello stesso anno. I giudici della settima sezione del Tribunale nella motivazione della sentenza che il 27 maggio scorso ha condannato a 5 anni e 3 mesi di reclusione l’ex amministrazione delegato Franco Panzironi (ora in carcere perché imputato nel processo ‘Mafia capitale’) spiegavano come le 41 assunzioni a chiamata diretta avvenute all’Ama tra il 2008 e il 2009 “furono frutto di decisioni arbitrarie e clientelari”.In Campidoglio nel pomeriggio la protesta sull’affidamento ai privati della pulizia delle strade.

Istat. Secondo l’Istat nel mese di luglio il fatturato dell’industria italiana, al netto della stagionalità, ha registrato una flessione dell’1,1% rispetto a giugno, sintesi di una diminuzione sul mercato interno (-1,7%) e di un incremento su quello estero (+0,2%). Al netto dell’energia il calo del fatturato totale si ridimensiona a -0,5%.

Papa Francesco. Il Papa ha chiesto l’abolizione della pena di morte al congresso statunitense. Bergoglio è stato il primo pontefice della storia a  intervenire in aula davanti ai parlamentari di Washington. Nel discorso incentrato sui temi delle libertà e dei diritti umani, il papa ha anche parlato di migranti e sostenuto la necessità di fermare il commercio delle armi.

La Redazione di Eticasempre

 

Le informazioni contenute in questa rassegna stampa sono state ricavate da dichiarazioni di membri del governo, del parlamento e dai media.

 

Per info e commenti scrivere a Erika Zolli: zolli.eticasempre@libero.it

 

Per le rassegne stampa dei giorni precedenti cliccare su “Articoli precedenti”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: