#ETICA E GRANDI PROBLEMI – Post dell’11 settembre

NOI UMANI NON ABBIAMO MEMORIA.
E’ QUESTO IL NOSTRO PROBLEMA PIU’ GRANDE.

Tutti ricordiamo dove eravamo quando abbiamo saputo delle torri gemelle. Abbiamo tutti condiviso il commento dei grandi: non ci lasceremo intimidire. E l’abbiamo compreso come volevamo che fosse: continueremo la nostra vita di sempre. E invece abbiamo fatto una guerra.
Noi ci siamo solennemente promessi di fare quello che i potenti della terra avevano deciso per i cambiamenti climatici. E ci siamo sentiti quasi al sicuro. Oggi invece sperimentiamo i più grandi disastri naturali di sempre: uragani, alluvioni, siccita’, terremoti, che hanno portato morti, distruzione di specie della flora e della fauna, compromissione o perdita di territori produttivi e dell’acqua, bene supremo.
E infine noi abbiamo consentito che le nostre donne fossero sfruttate, stuprate, soffrissero di sistematiche violenze. E abbiamo fatto leggi le cui minacce non sono sufficienti a prendere azioni efficaci per la dissuasione. E gli imputati – solo se denunciati, trovati colpevoli e magari recidivi, sono usciti di galera dopo pochi giorni avendo goduto di provvidenziali attenuanti.
E così l’umanità si è comportata in questi tre casi come diceva il mio grande maestro Geoff Nightingale:

COMMETTERE UNA VOLTA UN ERRORE E’ UMANO.
PERSEVERARE E’ DIABOLICO.

Cosa fare oggi, arrivati a questo punto? Lo leggeremo nel prossimo post dove proveremo a dirvi come l’umanità può non continuare a essere “diabolica”.

Annunci

ETICA E FINE VITA – Post del 12 maggio

Il gip di Milano, Luigi Gargiulo, non ha accolto per il momento la richiesta di archiviazione presentata dalla Procura per l’esponente radicale Marco Cappato, accusato di aiuto al suicidio assistito per aver accompagnato Fabiano Antoniani, Dj Fabo, in Svizzera dove il 40enne milanese, diventato cieco e tetraplegico a seguito di un incidente, ha scelto di morire.
Il gip ha deciso di fissare un’udienza di discussione tra le parti il 6 luglio prossimo.

Premesso che il nostro pensiero è che una persona possa essere aiutata a mettere fine alla sua vita diventata di solo dolore, ricordiamo che questo caso è stato molto importante in quanto,  grazie all’azione di disobbedienza civile di Marco Cappato, la Camera ha approvato la legge sul testamento biologico ( 326 favorevoli, 37 contrari e 4 astenuti). È comunque una svolta – che pur non recependo in toto il nostro pensiero a riguardo – è un primo passo verso il rispetto della volontà del paziente  e della dignità della persona.