#TERREMOTOCENTRITALIA – Post del 21 giugno

Redatto da E. Zolli

A dieci mesi dalla prima scossa di terremoto ci sono più di 2 milioni di tonnellate di macerie ancora da rimuovere, pari all’85% del totale.

Il punto su cui molti sindaci si lamentano è la burocrazia. 
I sindaci infatti si devono districare all’interno di una cornice burocratica parecchio complicata, incentrata su decreti leggi che continuano a essere modificati.

La fase uno dell’emergenza prevedeva la rimozione delle macerie dalle strade e in molti paesi del cratere questa fase è appena cominciata.

La ricostruzione resta un miraggio e gli sfollati continuano ad aspettare.

Grazie al Tg1 per non spegnere i riflettori sulla questione del terremoto.

 

 

ETICA E ABUSI EDILIZI – Post del 17 maggio

La Camera ha approvato il disegno di legge sulla demolizione degli edifici abusivi che ora passa al Senato. Noi crediamo che lo stanziamento di 10 milioni di euro l’anno sia insufficiente per risolvere il problema perché consentirebbe di demolire solo 130 edifici l’anno. E’ pur tuttavia un primo passo verso la risoluzione del problema.

Questa legge rischia tuttavia di essere di difficile applicazione perché dà priorità agli immobili ancora in costruzione e a quelli non abitati.

Sarebbe ancora più importante attuare un reale monitoraggio costante sul territorio, aumentare la pena per chi costruisce abusivamente e introdurre l’obbligo del riutilizzo del materiale derivante dalle demolizioni.

ETICA E FINE VITA – Post del 12 maggio

Il gip di Milano, Luigi Gargiulo, non ha accolto per il momento la richiesta di archiviazione presentata dalla Procura per l’esponente radicale Marco Cappato, accusato di aiuto al suicidio assistito per aver accompagnato Fabiano Antoniani, Dj Fabo, in Svizzera dove il 40enne milanese, diventato cieco e tetraplegico a seguito di un incidente, ha scelto di morire.
Il gip ha deciso di fissare un’udienza di discussione tra le parti il 6 luglio prossimo.

Premesso che il nostro pensiero è che una persona possa essere aiutata a mettere fine alla sua vita diventata di solo dolore, ricordiamo che questo caso è stato molto importante in quanto,  grazie all’azione di disobbedienza civile di Marco Cappato, la Camera ha approvato la legge sul testamento biologico ( 326 favorevoli, 37 contrari e 4 astenuti). È comunque una svolta – che pur non recependo in toto il nostro pensiero a riguardo – è un primo passo verso il rispetto della volontà del paziente  e della dignità della persona.