#TERREMOTOCENTRITALIAEISCHIA – Rassegna stampa del 5 dicembre

A cura di E. Zolli

 

  • Il terremoto avvenuto nella notte vicino Amatrice è legato alla sequenza che si è attivata il 24 agosto 2016. E’ quanto emerge dalle prime analisi condotte dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. “Il terremoto ricade nell’area interessata dalla sequenza del 24 agosto 2016”, ha detto la sismologa Lucia Margheriti, dell’Ingv. “In quell’area – ha proseguito – si continua a registrare un numero di terremoti superiore rispetto a quello rilevato in precedenza. Tutta la zona è ancora attiva, non consideriamo la sequenza finita”. (da Ansa)
  • Il turismo nella regione Marche, nonostante gli effetti negativi causati dal sisma del 2016, prosegue. C’è stato quasi il 5% di clienti in meno nelle strutture ricettive mentre il numero delle notti complessive trascorse dai clienti nelle strutture è rimasto sostanzialmente lo stesso.Imponente la campagna promozionale messa in campo dall’amministrazione regionale per rilanciare l’immagine di una regione martoriata dal terremoto. (da Dire.it)
  • La terra che continua a tremare alimenta la paura e ritarda il ritorno della popolazione nei territori colpiti dal sisma dove gli agricoltori e gli allevatori rimasti nei paesi svuotati, per sopravvivere, sono costretti a cercare canali alternativi dove vendere i prodotti salvati dalle macerie. È quanto afferma Coldiretti in riferimento all’ultima scossa di terremoto, nel sottolineare che l’appuntamento del Natale è un’ottima occasione per sostenere con la solidarietà la ripresa dell’economia. “È necessario che la ricostruzione vada di pari passo con la ripresa dell’economia che in queste zone significa – sottolinea Coldiretti – soprattutto cibo e turismo. (da Agensir)
Annunci