#TERREMOTOCENTRITALIAEISCHIA – Rassegna stampa del 12 settembre

A cura di E. Zolli

 

  •  È stato presentato nel corso della seduta straordinaria della Commissione Consiliare Permanente della regione Campania il testo unificato volto a salvaguardare e supportare l’economia nell’area di Ischia. I tre punti del programma contenuti nel documento sono: Attivazione di una “misura di finanziamento” regionale da individuare tramite i fondi comunitari; istituzione della “zona franca urbana” già sperimentata per le regioni colpite dal sisma; possibilità di utilizzo delle risorse previste dalla legge regionale del 2008, provenienti dai versamenti dei canoni concessori delle aziende termali. (da Tg Tourism)
  • L’Uvi, l’Ufficio valutazione impatto del Senato, ha pubblicato un dossier che ha analizzato risorse e interventi messi in campo dopo i terremoti de L’Aquila (2009), dell’Emilia-Romagna (2012) e del Centro Italia (2016). Il dato che emerge dallo studio è quello relativo alle somme che i Governi hanno stanziato per ricostruire i territori devastati: 20,1 miliardi di euro. Per quanto riguarda la prevenzione invece “lo stanziamento di risorse destinate a questo scopo – dice apertamente il dossier – è solo sporadicamente inserito nei provvedimenti analizzati, tutti specificamente volti a fronteggiare le conseguenze dei terremoti”. Duole constatare come le competenze tecniche degli ingegneri e gli avanzati mezzi di indagine sugli edifici vengano utilizzati solo dopo eventi disastrosi, mentre potrebbero essere più intelligentemente impiegati per un monitoraggio preventivo ‘a tappeto’ su tutto il territorio nazionale. (da la Notizia Giornale)
  • Nel giorno che ha visto tornare sui banchi migliaia di studenti nelle regioni del Centro Italia colpite dai terremoti del 2016 e 2017, Action Aid analizza lo scenario nei territori del cratere e lancia un appello a governo ed enti locali affinché facciano maggiore chiarezza sulle risorse disponibili. “Dall’analisi della documentazione resa pubblica” prosegue la nota “non è tuttavia possibile capire quando gli studenti potranno tornare in edifici non provvisori. (da News Town)
  • L’Italia ha tremato ancora con una scossa di magnitudo 3,9, avvertita domenica 10 settembre intorno alle 21.58, ha avuto il suo epicentro a Scurcola Marsicana in provincia de L’Aquila. Nessuna vittima ma tanto allarmismo. (da Agr Press)

 

 

 

 

Annunci