#TERREMOTO CENTRITALIA SITUAZIONE ATTUALE ALL’AQUILA. 8 ANNI DOPO

Oggi il centro storico dell’Aquila è un cantiere a cielo aperto.

Secondo i dati dell’Ufficio speciale per la ricostruzione dell’Aquila i cantieri (aggiornati a febbraio 2017) sono 665 quelli attualmente ancora aperti, 7.802 quelli già conclusi e 1.858 quelli ancora in attesa di partire.

Al 31 marzo 2017, in base ai dati del Comune, sono ancora 8.876 le persone alloggiate nei Progetti Case e 2.272 quelle che si trovano nei Map (moduli abitativi provvisori).

“A otto anni dal sisma la vera piaga la vera piaga continua ad essere la ricostruzione pubblica – ha detto il sindaco della città, Massimo Cialente – La ricostruzione del centro storico è partita solo a marzo 2013 e adesso si lavora alacremente. Come testimoniamo le quasi 100 gru disseminate sul territorio”. Nel cuore della città la ricostruzione proprio non va avanti: basti pensare al Teatro Comunale o al Duomo. Stessa cosa avviene per le scuole. Nessuno degli edifici scolastici danneggiati dal sisma, infatti, è stato ricostruito. Sono sei mila i bambini che vanno in classe nei conteiner e nessuna scuola ha lasciato i 36 MUSP (moduli a uso scolastico provvisorio) allestiti nel 2009. Potevano essere utilizzati per quattro anni: ne sono passati il doppio e, come si poteva prevedere, presentano gravi problemi di manutenzione.

Quindi una ricostruzione, quella dell’Aquila, partita in ritardo o ancora ferma a causa dell’emergenza e della burocrazia.

Annunci