Rassegna stampa 13/02/2015

 

Riforma del Senato.

  • Alla camera si discute il disegno di legge sulle riforme costituzionali e il clima tra opposizione e maggioranza è particolarmente teso
  • I Cinque Stelle hanno iniziato a battere i faldoni degli emendamenti sui banchi e a gridare “onestà, onestà”
  • Matteo Renzi si dice rammaricato: “Stupisce che ci sia chi esprime non tanto un dissenso, che sarebbe legittimo, ma che siccome ha le idee in minoranza prova a fare ostruzionismo e tentativi di blocco. La nostra maggioranza, in ogni caso, non si blocca”
  • Proposte che i Cinque Stelle vorrebbero che il Pd prendesse in esame:
  1. Referendum senza quorum
  2. Obbligo di esame delle proposte di legge di iniziativa popolare
  3. Possibilità di consentire il ricorso davanti alla Consulta sugli atti approvati dalla Camera
  • Obiettivo del governo è arrivare a votare tutti gli articoli entro sabato e avere il voto finale la prima settimana di marzo
  • Il Movimento 5 Stelle prova a proporre al Pd di votare insieme tutto il disegno di legge di riforma costituzionale chiedendo “in cambio” di accantonare l’articolo 15 che riguarda il quorum dei referendum abrogativi
  • “È inaccettabile mettere sotto ricatto il Parlamento, l’articolo 15 arriverà e dovrà essere oggetto di discussione. Ma intanto andiamo avanti e non teniamo sotto scacco questa Camera”
  • Salvini: “Alla Camera si stanno picchiando sulla riforma della Costituzione, ma chi se ne frega di questi argomenti”

Mafia.

  • Diventa legge il provvedimento che elimina i benefici penitenziari per i condannati per scambio elettorale politico-mafioso
  • Norma approvata all’unanimità dalla Commissione Giustizia della Camera riunita in sede deliberante
  • Dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale il condannato per voto di scambio non potrà più accedere al lavoro esterno, ai permessi premio e a misure alternative quali l’affidamento in prova la detenzione domiciliare e la semilibertà
  • Il testo attribuisce alla Procura distrettuale Antimafia le funzioni di pm nelle indagini preliminari e nel processo di primo grado
  • Non è più necessario lo scambio di denaro per punire penalmente il voto di scambio politico-mafioso ma bastano “altre utilità” che presuppongono accordi tra politici e organizzazioni mafiose

La Redazione di Eticasempre

Le informazioni contenute in questa rassegna stampa sono state ricavate da dichiarazioni di membri del governo o dai media.

Per info e commenti scrivere a busnelli@eticasempre.it

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...