Rassegna stampa 13/10/2014

Lavoro.

  • Giuliano Poletti (ministro del Lavoro):”I contratti a tempo indeterminato sono il 17%, se andiamo avanti così il problema dell’articolo 18 si risolve da solo” spiega così il perchè si sia ritenuto necessario cambiare quell’articolo
  • Sulla riforma, alla quale il governo metterà mano dopo aver ricevuto la delega del parlamento: ” “è prevedibile che i contratti a progetto e i co.co.co. vadano via. Anche “le partite Iva vanno cambiate, non tolte. Andrà ridefinito il perimetro di queste posizioni dentro il provvedimento che andiamo a fare. Costruiremo un nuovo quadro con contratto a tempo indeterminato e a tutele crescenti e dentro quel contratto andranno assorbite le varie forme contrattuali che oggi ci sono”
  • Tfr: ipotesi di anticiparlo in busta paga stoppata dal ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, Poletti commenta così: “In questo momento il ministero dell’Economia sta facendo tutte le simulazioni per poter prendere una decisione in maniera assolutamente ragionata e consapevole. Naturalmente è una cosa molto delicata, importante, ma ha tutte le complessità che Padoan ha illustrato, che conosciamo. Non credo sia un problema di frenate o non frenate, ma un problema di una riflessione molto seria che va fatta e che si sta facendo”
  • Cosa ne pensare i cittadini dell’aggiunta del Tfr in busta paga?: solo il 26% degli italiani (e il 21% dei lavoratori dipendenti) lo apprezzerebbe di avere qualche soldo in più mensilmente ad integrazione del proprio salario. Più di due terzi preferirebbe la classica liquidazione al termine del rapporto lavorativo. Anche in questo caso ci sono differenze tra privati (il 28% lo vorrebbe in busta paga) e pubblici (19%) ma in entrambi i segmenti di lavoratori la contrarietà alla proposta è netta

Genova.

  • Il premier Matteo Renzi interviene su facebook dopo i tre giorni di maltempo che hanno colpito Genova. Nel posto rivendica l’azione del suo governo per la prevenzione del dissesto idrogeologico del paese
  • Matteo Renzi annuncia che il governo utilizzerà su tutto il territorio nazionale due miliardi fino ad ora non spesi a causa di ritardi della burocrazia
  • Rassicura così i cittadini: “‘Assicuro ai genovesi, che non si sono piegati e che si sono rimboccati le maniche per spalare via fango e detriti dal loro futuro, l’impegno economico del governo fin dalla legge di stabilità cui stiamo lavorando in queste ore”

La Redazione di Eticasempre

Le informazioni contenute in questa rassegna stampa sono state ricavate da dichiarazioni di membri del governo o dai media.

Per info e commenti scrivere a busnelli@eticasempre.it

 

 

Annunci

Comments

  1. sergio giardulli says:

    Cara Gigliola
    Renzi continua a fare annunci roboanti ( l’ultimo il TFR ) che i SUOI ministri/il Parlamento smentiscono. La gran massa degli Italiani ricorda solo l’annucio e non il risultato finale ( che non c’è ): Abolizione Province, nuova legge elettorale,semplificazione burocrazia,evasione fiscale,…ora TFR….Le PMI non hanno la liquidità sufficiente ed allora o chiuderanno o chiederanno prestiti (onerosi) alle banche. Il fisco applicherà le sue imposte sul TFR. Ed il gioco è fatto !!!!!!. Il sistema produttivo delle PMI deve essere spazzato via ?. Questa è la strada giusta.
    I Genovesi le maniche le hanno ancora sù, rimboccate dall’ultima volta ( 3 anni fa ) e sono arrivati ormai alle spalle.Ancora una volta si cerano le responsabilità. Ma il gioco è sempre quello delle tre carte. VINCE SEMPRE IL BANCO.Basta, gli Italiani non ne possono più !!!!!!. Ma che fine fanno i soldi delle tasse che aumentano, AUMENTANO ed AUMENTANO !!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...