RASSEGNA STAMPA 01/08/2014

Riforme.

  • Renzi: “Stiamo mettendo fine ad anni di bicameralismo perfetto”, ieri il ddl delle Riforme in discussione al Senato: dopo quattro giorni è stato approvato solo l’articolo 1 del testo e con svariati intoppi
  • Nel pomeriggio i lavori sono stati sospesi per oltre due ore dopo le proteste dei capigruppo di opposizione
  • In commissione Giustizia un emendamento al decreto carceri è passato grazie all’appoggio di alcuni senatori della maggioranza
  • Il governo è stato battuto in Senato su un emendamento della Lega durante la discussione del ddl riforme: l’Aula con 154 voti a favore, 147 contrari e 2 astenuti ha approvato a scrutinio segreto l’emendamento 1.1979 a firma del senatore della Lega Stefano Candiani che conferisce anche al nuovo Senato la competenza legislativa su materie “eticamente sensibili” come diritti civili, famiglia e matrimonio
  • Luigi Di Maio (vicepresidente della Camera di M5S) sul blog di Beppe Grillo si scaglia contro Grasso: “Presidente, in questi giorni in Senato l’ho vista abdicare totalmente al Suo ruolo istituzionale di padre del dibattito parlamentare, che esiste in qualsiasi ordinamento democratico. Ieri ho visto Piero Grasso trincerarsi dietro il voto dell’Aula per non assumersi alcuna responsabilità”
  • Durante i tumulti in Aula: rimane colpita la senatrice Laura Bianconi, di Ncd, si sospetta una lussazione alla spalla ed stata condotta in Ospedale. Mentre il senatore della Lega, Nunziante Consilio, ha avuto un malore ed è stato portato in infermeria
  • Grasso annuncia sanzioni per il comportamento in aula e commenta: “Quanto avvenuto in aula oggi è un fatto molto grave. È un colpo drammatico alla credibilità del Senato”

Spending Review e Cottarelli.

  • Commissario alla Spending review Carlo Cottarelli: “Il lavoro continua, non ho niente da segnalare”
  • Renzi: “faremo anche senza di lui, io non so quel che farà Cottarelli, lo rispetto, lo stimo e farà quel che crede, ma la revisione della spesa la faremo anche senza di lui”
  • Graziano Delrio (sottosegretario alla presidenza del consiglio) : “Non c’è nessun caso Cottarelli. Continuerà come prima e continueremo l’impegno del governo. La spending review non dipende dalle persone che la conducono, è una scelta politica. Dietro la vicenda di Cottarelli ci sono vicende di vario tipo, anche personali sue. La finanziaria si farà ad ottobre, ma la spending review va avanti”.
  • Cottarelli ieri aveva rivolto un affondo alla maggioranza, alla politica e al governo avvertendo che la tendenza ad autorizzare nuove spese, quando i risparmi ottenuti dai tagli sono già stati tutti impegnati, vanifica possibilità di tagliare le tasse
  • Il contratto tra il governo e Carlo Cottarelli scade il 31 ottobre e se le norme introdotte dal Dl 90 del 24 giugno (“Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari”) verranno trasformate in legge, non sarà rinnovabile

La Redazione di Eticasempre

Le informazioni contenute in questa rassegna stampa sono state ricavate da dichiarazioni di membri del governo o dai media.

Per info e commenti scrivere a busnelli@eticasempre.it

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...